Roccabernarda (KR)

Coltivazione delle arance

Arance

Mandarini

 

Cenni storici:

L'Arancio, <detta pianta delle arance> ha le sue origini in Cina.
I Romani iniziarono per primi la coltivarla in Sicilia ed in Calabria, ma la sua vera diffusione in Italia resta ancora un mistero, è la si attribuisce ai Portoghesi (da qui usato il termine dialettale “
Portugaddu”).
In passato per i matrimoni si usava decorare la chiesa con i fiori d'arancio pochè rappresentavano la castità della sposa.
Oggi l'arancio è il frutto invernale per eccellenza; è l'agrume più diffuso nel mondo, e la Calabria, dopo la Sicilia, è la seconda regione produttrice in Italia.
Questo frutto ha rappresentato fino agli anni 80' una risorsa economica per gli agricoltori calabresi; ma con l'invasione dei mercati esteri delle Arance provenienti da Spagna, Turchia e Grecia, anche se inferiori come qualità, hanno distrutto le speranze degli agricoltori di una risorsa economica proveniente dai mercati agricoli.
In questi ultimi anni grazie alla qualità del prodotto ed alle campagne contro il cancro di cui le arance sono protagoniste, sembrerebbe che una ripresa economica sia in atto.
Nonostante questo, il nostro paese non riesce ad organizzarsi per poter attingere a questa opportunità che sta rifiorendo a livello nazionale.

 

Uso gastronomico:

Frutta di consumo, succhi di frutta, liquori, essenze per dolci, canditi e frutta essiccata

 

Uso terapeutico:

Oltre alla nota vitamina C, previene il cancro, riduce il colesterolo cattivo, favorisce anche la digestione.

 

indietro - back