Roccabernarda (KR)

Canzoni

Fanno parte della nostra cultura, raccontano storie e sentimenti; hanno regalato emozioni ai nostri nonni e impartiscono consigli oggi come ieri.

·        Canti d’Amore

Affaccia bedda mia a ‘sa finestra,
arringa ‘nu garofalu e ‘sa grasta:
arringamillu n’u me truavu lestu
ppennu u me cada ‘nterra ca se guasta;
io mi lu stipu ppe re miagghiu feste,
garofalu d’amuri e tantu abbasta.

 


A sua volta suddivisi in diverse tematiche, questi trattano la fortuna, il gioco,lo sdegno e lo “Scuarnu” in amore, ma anche di canzoni assurde come “A canzune all’aliverza” qui di seguito elencata:

‘Na canzunedda sacciu all’aliverza
e all’aliverza a vulerra dire:
me partu ‘na duminica matina,
pìu ‘a favuce e vaju a
siminare;
vitti ‘na cerza carica de pire,
m’agghiunnu e mi nne tiru ‘na vajana; 
‘u guardianu de la loggia grida:
-  O latru chi te cuagghi le cerase!
‘Na petra me minau aru garrune:
u sangu me curriudi de lu nasu.
Vitti ‘na musca all’ariu vulare:
‘ncuaddu purtava treciantu tijiddi;
vitti ‘nu mastru chi facia cucchiare
de ritagghie ne faciadi majidde;
vitti ‘nu ciuncu musciu abbeverare
e ‘nu cecatu cuntare li stiddi;
vitti ‘nu mutu dire litanie e ru
surdu stavia a ‘nterigulare;
vitti ‘nu puarcu fare l’ortulanu
e ccu ru mussu chiantare calime;
vitti ‘nu lupu piacure guardare,
‘na vurpa guardiana are gaddine;
vitti vulare due palummi cuatti,
azare vulu d’intra lu piattu;
vidiatti siminare fave cotte,
lu mise de jennaru fave fratte;
tutte a mmia cadanu ‘e cose storte:
‘u surice chi assiacuta ru gattu.

Conosco una canzonetta all’incontrario 
e al contrario la vorrei dire:
esco una domenica mattina,
prendo la falce e vado a seminare;
vidi una quercia carica di pere,
mi lancio e ne raccolgo una manata;
il guardiano della loggia grida:
-  O ladro che raccogli le ciliegie!
Mi tirò una pietra al garrule:
Il sangue mi scorreva dal naso.
Vidi una mosca volare in aria:
a dosso portava trecento travi;
vidi un maestro che faceva cucchiai
dai resti ne faceva delle vasche;
vidi uno zoppo abbeverarsi
ed un cieco contare le stelle;
vidi un muto dire preghiere

e un sordo stava ad ascoltare;
vidi un maiale fare l’ortolano
e col muso piantare delle bellezze;
vidi un lupo custodire pecore,
una volpe fare la guardia alle galline;
vidi volare due colombi cotti,
alzare il volo da dentro il piatto;
ho visto seminare fave cotte,
il mese di Gennaio fave essiccate;
tutte a me accadono le cose storte:
Il topo che insegue il gatto.

 

·        Nenie, Ninne Nanne, Canti Pastorali 

Fo fo follirò
cchi biaddu cavaddu chi vena mo':
e vena carricatu
chine 'e ficu 'nzuccarate
e vena de Sellia 
ricca mammata de tia.

 

Nola, nola e nola
'u picciuliddu 'u mannamu ara scola;
cci 'u vuagghiu mannare ppe ru 'mparare
cchi biaddu dottore chi l'haiu 'e fare.

 

·        Canti religiosi

 Canti in devozione a S. Francesco di Paola

O Sa' Franciscu mio caru dilettu 
vìani ara casa mia cà io t'aspiattu:
ca tu ara casa mia ci ha addimmurare
ca ri bisuagni mio m'hai d'aiutare.
O Sa' Franciscu mio sì 'nu gran santu:
pregare te vulerra ogni mumentu;
ca le preghiare mio ho jire avanti
ca n'ha mannare 'a pace e l'alimentu.
O Sa' Franciscu gloriusu e santu
va pregalinne a Dio cà a vui ve senta;
e iati 'n' ura a chire terre sante, 
duv'è ra giuventù stacce prisente.
Nu' simu degni de pregare santi 
ca simu peccaturi veramente;
mo' vi nne priagu a vui ca siti santu:
facitilu ppe 's'anime 'nnucenti.

 

Madonna dello Scavo - Scritta da frate Francesco Tripaldi di Roccabernarda.

In valle dello Scavo 
c'è una grande regina
un bifolco la vide
e a Lei si appressò.

Quel duplice cuore
portandoci amore
per farle onore
in paese si avviò.

Giungendo affannato
in casa di Dio,
due volte ha chiamato
e nessuno l'udia.

Maria, Maria,
con voce gridava
che splendida
in valle dello Scavo.

Il popolo in folla
faceva paura:
giungendo in valle
La vide la luna.

Due volte fu presa, 
ne festa ne lode:
la bella Signora 
in valle tornò.

Ma in sonno appariva
giuliva e più bella
ad una donzella
e a quella parlò.

-Sei cara sei onesta,
a te sola bandisco:
io voglio con festa
e padre Francesco.

Di luni fu presa
di marti girata
e chi è devota
Maria l'ha salvata.

·         Fra le varie cantilene riportiamo una strofa sulla mietitura:

“E mò chi simu nesciuti aru serracchjiu
pijia sa gummumilla ca vivimu.
Sutta la troppa de lu petrusinu
ci sta nu jiascariallu cù lu vinu.
Sutta la troppa de la majurana,
ci sta lu zainiallu cù lu pane”.

 

·        Scioglilingua

Sutta ‘nu palazzu
Sta ‘nu cane pazzu:
datile ‘nu muarzu de pane 
a ‘ssu povaru pazzu cane.

Pignatedda cupa cupa 
Chi de pipe pocu capi.

indietro