Roccabernarda (KR)

Proverbi 

 

A vogghia u l'inne du mazze aru cane, u chiami cucci, cucci e iddu vena.

Anche se dai tante botte al cane, quando lo chiami lui arriva.
Quannu u pecuraru u vò partire dicia ca le manca a mazzola.

Quando il pastore non vuole portare le pecore al pascolo, dice che gli manca il bastone.
U miadicu pietusu fa ra chiaga verminusa.

Il medico che per pietà non usa le medicine, fa si che la piaga si imputridisca.
Si vue sapire i guai du pagghiaru, addimmanna aru quatraru.

Se vuoi sapere i guai di casa, chiedilo al bambino che la abita.
Ad aprile fave chine, a maju quantu ne vue, ma aprile è menzugnaru ca e fave mintanu a maju.

Ad aprile le fave si ingrossano, a maggio in gran quantità, ma aprile è menzognero perchè le fave si maturano a maggio.
U cane c'assai abbaia, pocu muzzica.

Il cane che abbaia molto, poco morde.
Campa cavaddu ca l'erva criscia.

Campa cavallo che l'erba cresce.
Quannu u ciucciu u fà ra cuda ari trenta anni, ura fa cchiù.

Se l'asino non ha fatto la coda ai trenta anni, non la fa più. (se non ha imparato a fare le cose fino a trenta anni non impara più)
Gaddina vecchia fa buon brodo.

Gallina vecchia fa buon brodo.
Marzu fa ri juri ed aprile n'ha l'onore.

Marzo fa i fiori ma Aprile ne ha riconoscenza.
         
         

 

 

indietro